La prima donna nello spazio: Valentina Tereshkova

Blog Image

di Emma Akopyan

11/5/2021

Il generale N.P.  Kamanin scrisse nel proprio diario il 24 ottobre 1961: "Le donne voleranno sicuramente nello spazio... Non dobbiamo permettere ad una americana di diventare la prima donna nello spazio — ciò offenderebbe i sentimenti patriottici delle donne sovietiche".

E quindi arrivò il giorno tanto atteso. I requisiti per un'astronauta erano: età fino a 30 anni, altezza fino a 170 centimetri e peso fino a 70 chilogrammi Il 15 gennaio 1962, il Comitato Centrale del DOSAAF (Associazione volontaria per la cooperazione con l'esercito, l'aviazione e la flotta) fornì 58 dossier personali di donne che si occupassero di pilotaggio di aerei, volo a vela e paracadutismo, e il 27 febbraio iniziò a lavorare una commissione medica per la selezione. Fu data la preferenza ai paracadutisti, dal momento che un cosmonauta fu espulso dalla navicella Vostok ed atterrò con un paracadute, e inizialmente si previde un periodo di preparazione breve — circa sei mesi.  Di conseguenza, semplicemente non ci sarebbe stato il tempo per l’istruzione di paracadutismo.

Nelle fasi successive della selezione, le ragazze furono sottoposte a una rigorosa visita medica, una serie di esami e al giudizio di una commissione che esaminò i dati personali e condusse dei colloqui. Tra oltre cinquanta candidati, furono selezionate cinque ragazze, tra cui Valentina Tereshkova.

Nel novembre 1962 la loro formazione giunse al termine; l'esame di stato era previsto per la fine del mese e tutte ricevettero voti eccellenti. Allo stesso modo, tutte le concorrenti erano in ottima forma fisica, avevano le necessarie competenze tecniche e formazione morale, ma vi era solo un posto per il volo.  Alla fine fu deciso di inviare nello spazio Valentina Tereshkova.

La scelta fu difficile e tenne conto non solo delle competenze di cui sopra, ma anche delle qualità che avrebbero potuto essere richieste in futuro. Fu considerato tutto, addirittura i cicli mestruali.

Fonte foto: hi.obozrevatel.com

Oltre alla salute, alla competenza, ai tratti caratteriali, la scelta fu determinata anche dalle valutazioni soggettive dei commissari.  Korolev, Kamanin e Gagarin erano a favore di Tereshkova. Gli specialisti dell'Istituto statale di ricerca di medicina aeronautica e spaziale appoggiavano saldamente Ponomareva; a loro si aggiunse l'accademico Mstislav Keldysh. Il capo dello Stato Nikita Krusciov pose fine a infinite controversie. Una versione racconta che avesse scelto la futura astronauta da una fotografia, ma è improbabile che corrisponda alla realtà. Molto probabilmente fu il fatto che Valentina Vladimirovna ebbe una formazione di base come tessitrice, e i rappresentanti dell'industria tessile occupavano uno dei posti più importanti nella politica interna di Krusciov.

E ciò significa: non avere alcuna paura del pubblico, perché dopo il volo avrebbe avuto davanti a sé numerose esibizioni. Poi, data l'importanza della propaganda, per ispirare il popolo sovietico serviva una "donna del popolo", del proletariato. Valentina Tereshkova lavorava in uno stabilimento. Suo padre, che aveva guidato trattori per tutta la vita, morì durante la Grande Guerra Patriottica (così in Russia si chiama la Seconda Guerra Mondiale). Anche sua mamma fu operaia in una fabbrica tessile. Quindi, Valentina era la soluzione migliore per l'ideale di un'eroina sovietica.

Fonte Foto: pbs.twimg.com

Il Vostok-6 di Tereshkova fu lanciato il 16 giugno 1963.  Tuttavia, successivamente gli eventi si svilupparono in modo tutt’altro che ideale. Il secondo giorno, il 17 giugno, i capi della missione richiamarono l'attenzione sulle risposte vaghe ed evasive di Tereshkova. Il suo comportamento li mise in allerta e sollevarono dubbi sui resoconti che ricevevano. Successivamente, Tereshkova nel rapporto della Commissione di Stato notò che per il primo giorno praticamente non sentiva la tuta spaziale; poi inizio a soffrire di dolori nella parte inferiore della gamba destra che non smisero fino all'atterraggio. Era tormentata dalla nausea, non era in grado di mangiare il cibo a disposizione. A causa di tali problemi di salute in effetti interruppe il programma di esperimenti scientifici: non riusciva a liberarsi della sedia, non riusciva a  raggiungere lo styling con i materiali.

Allo stesso tempo anche lo spazio creò dei problemi: a causa delle eruzioni solari l'atmosfera terrestre divenne più “spessa” e la decelerazione naturale dei "Vostok" avvenne più rapidamente. La Commissione di Stato riunita decise di far atterrare la navicella di Bykovsky all'82a orbita (entro la fine del quinto giorno) e quella di Tereshkova alla 49a orbita (entro la fine del terzo giorno).

Il 18 giugno Tereshkova doveva collaudare il controllo manuale per prendere il controllo della situazione sull'orbita attuale in caso di guasto del sistema di orientamento automatico prima della discesa. Tuttavia non ci riuscì né la prima né la seconda volta.  È chiaro che la direzione della missione era preoccupata per il problema.  Il tenente generale Kamanin scrisse nel proprio diario:

"18 giugno [1963]. [...] Ho parlato diverse volte con Tereshkova. Si sente che è stanca, ma non vuole ammetterlo. Nell'ultimo collegamento non ha risposto alle chiamate dall'IP di Leningrado [punto di misurazione].

Abbiamo acceso la telecamera e abbiamo visto che dormiva.

Ho dovuto svegliarla e parlarle dell'imminente atterraggio e dell'orientamento manuale.  Ha cercato due volte di orientare la nave e ha ammesso onestamente che non stava riuscendo a orientare il passo.  Questa circostanza preoccupa moltissimo tutti noi: se dobbiamo atterrare manualmente, e lei non riesce a orientare la navicella, allora non lascerà l'orbita.  Ai nostri dubbi ha risposto: "Non preoccupatevi, domattina farò tutto".

Comunica bene, capisce bene e non ha ancora commesso un solo errore.  Si riposerà durante la notte e dovrebbe gestire bene l'atterraggio automatico."

La mattina del 19 giugno, alla 45a orbita, Gagarin lesse personalmente le istruzioni di Tereshkova, chiedendo la conferma di ogni passo. "Dalle 07:40 alle 08:05 ho orientato la nave ... È tutto a posto. Ho fatto un rollio lungo il rollio. <...> Di 'a Zarya-1" - sulla 47a orbita ho orientato completamente la nave  in 20 minuti atterrando su tutti e tre gli assi.  Ho contorto la nave.  Ho fatto tutto come doveva essere ", ha riferito Tereshkova.

Ritorno sulla Terra

Fonte foto: историк.рф

Le avventure degli astronauti non finiscono qui. Al momento dell’uscita dall’orbita riferì del funzionamento del sistema di propulsione frenante e dell'inizio della discesa, ma non fu ascoltata. I tecnici erano preoccupati, perché nessuno sapeva cosa stesse accadendo alla navicella. Tuttavia, Vostok fece tutto secondo programma: i compartimenti si separarono e iniziò una normale discesa nell'atmosfera. Il salvataggio andò a buon fine: Tereshkova atterrò a 400 metri dal veicolo in discesa, vicino alla zona calcolata. Non riuscendo a controllare il paracadute, Valentina Vladimirovna raggiunse il suolo con la schiena e sbattè con forza il viso sul casco; il risultato fu un naso rotto e un occhio nero. I residenti locali l'aiutarono a togliersi la tuta spaziale, e lei diede loro confezioni di cibo "spaziale" in segno di gratitudine. In risposta, la nutrirono con patate e cipolle e le diedero kumis, contro tutte le prescrizioni mediche.

Peggio ancora, Tereshkova tentò di finire di scrivere il diario di bordo sulla Terra e le squadre di ricerca in arrivo lo notarono.  A causa del suo comportamento dopo l'atterraggio, in seguito, dovette subire una scenata di rabbia da Sergei Korolev.  Alcuni dettagli dell'incidente si possono trovare nel libro di memorie di Boris Chertok "Rockets and People, Vol. 3. Hot Days of the Cold War". Tuttavia, i capi della politica sovietica avevano ben poco interesse per tali sottigliezze: Krusciov ebbe una nuova opportunità per mettersi in mostra con i cosmonauti sul podio del Mausoleo e dichiarare la superiorità scientifica e tecnica dell'URSS.

Poco più tardi, il 3 novembre 1963, su insistenza del capo dello Stato, si tenne un'altra manifestazione, trasformando il matrimonio dei piloti-cosmonauti Valentina Tereshkova e Andriyan Nikolaev in uno sfarzoso spettacolo con la partecipazione dei vertici del partito.  Ma questa è un'altra storia.

Valentina Tereshkova può essere giustamente considerata un'eroina, poiché durante il volo affrontò un numero enorme di difficoltà, ma superò coraggiosamente tutti gli esami e il volo della donna-cosmonauta si concluse con successo. 

E a voi, piacerebbe andare nello spazio?