Esperimento Live Drive-in: Mads Langer e il successo in Danimarca

Blog Image

di Martina Guaccio

16/5/2020

Quante volte, riascoltando una canzone, ritorniamo indietro nel tempo, rivivendo i viaggi “vista mare” di vecchie estati? Ecco, “You’re not alone” è proprio una di queste. Nel 2010, un nuovo volto della scena musicale si fa strada, tra radio e playlist americane ed europee: lui è Mads Langer, cantante danese con alle spalle diversi successi locali, che in quell’anno riprende in chiave acustica l’omonimo brano del 1996 del gruppo trip hop Olive, riscuotendo grande popolarità a livello internazionale.

 

Bene, potremmo tranquillamente ritenere che il suo sia stato un successo one shot, eppure, in queste ultime settimane, il suo nome è tornato a risuonare a gran voce, raggiungendo persino i corridoi della prestigiosa redazione di Forbes. Langer è stato, infatti, il pioniere di un’iniziativa che ha visto la musica combattere ed abbattere le barriere innalzate dal Covid-19: il Live Drive-in, un nuovo modo di vivere l’esperienza della musica dal vivo, in sicurezza.

 

L’evento

 

L’idea si è concretizzata per la prima volta lo scorso 24 aprile ad Aarhus in Danimarca, nel parco pubblico Tangkrogen: davanti al palco, una surreale distesa di auto, ben distanti le une dalle altre, da cui i fan hanno potuto godere lo spettacolo, supportato, oltre che da maxischermi, anche da una frequenza radio FM che ha trasmesso il concerto direttamente nello stereo delle singole auto.

Il pubblico danese ha accolto entusiasta l’idea del drive-in musicale, fin dall’annuncio dell’evento a soli 6 giorni dall’apertura delle vendite dei biglietti, andati poi sold out in pochi minuti.

500 tickets venduti per un totale di 2000 spettatori, riporta Forbes, decretando l’inizio di una lunga serie di eventi analoghi in Scandinavia, e, chissà, in tutto il mondo.

Come è nata l’idea? Mads Langer spiega, in un‘intervista rilasciata al magazine NME, che dall’inizio del lockdown, il Live Drive-in era una voce già iniziata a circolare in Danimarca. Come molti artisti, Mads Langer aveva iniziato ad esibirsi in diretta streaming per i suoi fans e, dopo la cancellazione del suo show in arena a Copenhagen, ha iniziato a pensare alla realizzazione di un evento che potesse essere ricordato. Ha messo in piedi e trasmesso online un concerto in un’arena completamente vuota, offrendo immagini suggestive ed un’esperienza senza dubbio potente. Langer, però, non ancora soddisfatto e spinto dalla curiosità, decide di lanciarsi nel progetto del Live Drive-in. “Quando ho iniziato a suonare è diventato uno show intimo. Ho capito che non mi stavo esibendo davanti a 2000 persone, ma stavo suonando per 4 persone per 500. È stato come suonare in tante piccole stanze in auto” ha affermato Mads. Nel corso della serata è riuscito a creare un contatto con il pubblico, invitando i fans ad abbassare il finestrino sinistro delle auto, secondo le regole imposte per la sicurezza e facendo suonare il clacson in segno di saluti e applausi. Langer e gli organizzatori non hanno lasciato nulla al caso: hanno, inoltre, predisposto una conference call su Zoom, nota piattaforma ampiamente utilizzata per le videochiamate durante il lockdown, per permettere a tutti gli spettatori di partecipare ed apparire con immagini live su un maxischermo posto sul palco dell’artista, favorendo, così, un dialogo fatto di richieste e racconti di proprie esperienze durante il periodo di emergenza Covid-19.

 

L’artista si è dichiarato sinceramente sorpreso e pienamente soddisfatto della riuscita dello show e si dice fiducioso nella replica del concerto formato drive-in anche a livello internazionale.

Scetticismo a parte degli amanti della musica dal vivo, l’esperienza di Mads Langer dimostra che le distanze imposte dalle norme di sicurezza contro il Coronavirus possono essere annullate: è possibile creare un vero e proprio intimate show in cui l’interazione, paradossalmente, è più viva che mai.