I cocktail che non passano mai di moda

Blog Image

di Alessia Giannino

13/5/2020

Il cocktail è una bevanda ottenuta grazie ad una miscelazione proporzionata di diversi ingredienti alcolici e non. Ce ne sono tantissimi, per tutti i gusti e di ogni gradazione alcolica. L’organizzazione più autorevole in materia è l’I.B.A., International Bartenders Association, che ha creato una lista di drink i cui ingredienti sono reperibili in tutto il mondo. Questa lista viene aggiornata periodicamente, ma di sicuro ce ne sono alcuni che non passano mai di moda.

Quali sono i drink più cool? Abbiamo stilato una top 5 di quelli che secondo noi sono i cocktail più bevuti, non solo perché buoni, ma anche perché alla moda.

 

  1. COSMOPOLITAN

Il Cosmopolitan è un drink americano a base di vodka, che fa pensare a New York. Diventato un’icona grazie a Carrie Bradshow e alle sue amiche di Sex and the City, che lo sorseggiavano in ogni puntata. Non si sa con precisione chi abbia inventato questo cocktail, ma la leggenda narra che sia nato negli anni ’50 grazie ad un’impresa americana, che voleva pubblicizzare il suo succo cranberry. Secondo dati più sicuri, invece, si dice che sia stata Cheryl Cook, famosa barlady americana, ad inventarlo nel 1987. Perfetto per le donne, il Cosmopolitan è un drink che può essere bevuto in qualunque momento della giornata.

Ricetta:

1 ¼ oz. citron vodka

½ oz. triple sec

1 oz succo cranberry

½ oz succo di lime

 

  1. MARTINI DRY

Il Martini è il cocktail per eccellenza. Si dice che sia il banco di prova di ogni barman, in quanto da lì si vede la bravura e il tocco del professionista. Il padre del Martini è il cocktail Martinez, un miscelato che si beveva in America nella seconda metà dell’Ottocento. Con gli anni il Martinez è trasformato in Martini Dry, ottimo per un aperitivo, ma anche da bere di sera accompagnato da qualche stuzzichino.

Ricetta:

2 oz gin

½ oz vermouth dry

Oliva o lemon peel

 

  1. OLD FASHIONED

L’Old Fashioned è un pre-dinner a base di bourbon, in cui vengono dissolti angostura, zucchero, bitter ed essenza di scorza di arancia. Il bicchiere nel quale viene servito ha lo stesso nome. È uno dei pilastri della storia dei miscelati, uno dei più antichi e di un’eleganza unica. Ha un colore ambrato che ipnotizza gli occhi ed un sapore intenso, arricchito dal gusto speziato del whisky e dalla dolcezza dello zucchero e dell’arancia. È sicuramente uno dei drink più cool del mondo.

Ricetta:

1 ½ oz bourbon o rye whisky o scotch whisky

Drop angostura bitters

1 zolletta di zucchero

1 spicchio d’arancia

2 ciliegine al maraschino

lemon peel

 

  1. MOSCOW MULE

Il Mosow Mule è uno dei cocktail più in voga del momento. Nato nel 1921 al Chatham, un bar di New York, grazie all’idea di due imprenditori disperati, che si incontrarono per tentare di risollevare le proprie attività. Qualche tavolo più in là era seduto John G. Martin, che non riusciva a vendere negli Stati Uniti la vodka Sminoff. E ancora più in là c’era Jack Morgan, proprietario del Cock’n’Bull Tavern, il locale più cool di Hollywood, il quale stava cercando di lanciare senza successo la sua marca di Ginger Beer. Ai due imprenditori venne l’idea di combinare i due ingredienti, con un po’ di lime e così nacque il Moscow Mule, chiamato così perché il suo sapore aspro, in gola scalciava come un mulo. Secondo una storia, forse più veritiera, a quel tavolino si aggiunse un’imprenditrice, che aveva da smaltire un intero magazzino pieno di oggetti in rame ed in particolare mug da 5 once con inciso un asinello. In quei bicchieri in rame fu bevuto per la prima volta il drink e ancora oggi si usa prepararlo all’interno delle mug in rame.

Ricetta:

1 ½ oz vodka

¼ oz succo di lime

fill ginger beer

ramoscello di menta

zenzero fresco

 

  1. MARGARITA

Il Margarita è un drink storico, il portabandiera dei colori messicani, in quanto la tequila è l’ingrediente principale. È molto semplice da preparare, una sorta di evoluzione del cicchetto “tequila, sale e limone” e in sé ci sono tutti i sapori sudamericani. Il suo nome sembra che derivi da Marjorie King, un’attrice americana allergica all’alcol tranne alla Tequila. Un giorno un barman inventò questo drink per la diva.

Ricetta:

1 ¼ oz tequila

¾ oz triple sec

1 oz succo lime

E voi quale cocktail preferite?