Scopriamo cosa fare e cosa vedere a Bivongi

Blog Image

di Emma Akopyan

11/6/2021

Si trova tra le bellezze dell'Appennino Meridionale, in provincia di Reggio Calabria; questo piccolo borgo è famoso non solo per la maestosità della sua natura ma anche per la longevità delle persone che lo abitano. I geni giocano un ruolo importante in questa situazione insieme alla pratica dello sport e dell'alimentazione, ma anche i rapporti umani e la tranquillità sono importanti, e in questo luogo si possono vivere facilmente.

Bivongi nacque nel IX secolo, quando le incursioni saracene costrinsero gli abitanti della costa a stabilirsi nell'entroterra, dando vita a meravigliosi paesi come questo. Anche i monaci bizantini si recarono nelle grotte situate su questo territorio, e tra loro Giovanni Théristis. Dopo la morte del monaco, la sua fama tra la popolazione locale raggiunse un livello tale che fu santificato, e a due chilometri dalla sua dimora, nel luogo dove si credeva fosse la fonte santa, sorse il Monastero di San Giovanni Theristis. Il monastero è oggi l'attrazione principale della città e un ottimo esempio del passaggio dall'architettura bizantina a quella latino-normanna.

Fonte foto: susanintop.com

Perché dormire in un hotel quando si può vivere questa città come se si fosse un autentico abitante? La soluzione è l'albergo diffuso. Il Borgo della Longevità nasce dal recupero di alcuni edifici storici. È stata mantenuta la struttura originale delle antiche case, restaurate con materiali locali, come il legno, il granito di fiumara e la pietra.

A disposizione degli ospiti si trovano anche bar, ristoranti, un servizio di noleggio bici e una ludoteca per bambini.

Raggiungi a piedi le cascate del Marmarico

Fonte foto: upload.wikimedia.org

Con i suoi 144 metri è la cascata più alta della Calabria e dell'Appennino meridionale. Questa bellissima cascata si raggiunge camminando da Bivongi, attraversando il fitto bosco.

Dopo aver lasciato Bivongi, si segue il fiume fino a una salita, che all'inizio sarà asfaltato ma diventerà poi un vero e proprio sentiero naturale immerso nella natura incontaminata. Poi dobbiamo seguire le indicazioni per i piani di Doma. Camminiamo in un bosco di castagni pieno di funghi dai colori incredibili durante l'autunno. Durante la primavera fioriscono molte gialle ginestre.

Dopo la salita, attraversiamo un ponte che ci porta alle cascate!

La gente del posto consiglia di fare il bagno nell'acqua gelida delle “gurne”, che si trovano sotto cascata. Non dimenticare il cibo a casa, sarà bello fare un picnic in questa zona.

Il monastero di San Giovanni Theristis

Fonte foto: upload.wikimedia.org

A Bivongi c'è un monastero greco-ortodosso che risale al X secolo. È un luogo spirituale caratterizzato da un profondo silenzio che crea un'atmosfera mistica. I monaci greco-ortodossi che vi vivono producono candele di cera per un gran numero di chiese rumeno-ortodosse in Italia.

Le terme abbandonate

Fonte foto: upload.wikimedia.org

Il territorio di Bivongi è ricco di gas sulfurei che portano in superficie acque termali. Nell'XI secolo furono costruite delle terme per cogliere i benefici di queste acque, che erano conosciute come “Acque Sante”. Le proprietà di queste acque erano note anche ai Romani. Oggi le antiche Terme di Giuda si possono visitare seguendo il pendio che porta alle cascate, che hanno creato delle pozze nei pressi delle antiche terme e si possono sfruttare per godere dei benefici di queste acque sulfuree.

Passeggiata tra i vigneti e degusta il Bivongi doc

Fonte foto: upload.wikimedia.org

Passeggiare tra i filari vi permetterà di conoscere meglio la storia del vino rosso biologico DOC di Bivongi. Al termine del trekking, potrete degustare il vino locale in un vigneto.

Questa bellissima avventura ci avvicina alla natura della foresta e al sacro, alla cultura più antica di Calabria; ma forse svela anche il segreto della longevità dei cittadini di Bivongi! Secondo le ricerche di National Geographic, sono pochi i luoghi in cui vivono ultracentenari. Proprio a Bivongi, più di 40 abitanti hanno tra i 90 e i 99 anni. E nel 2006 22 persone hanno compiuto 100 anni.