Una notte al Castello di Zumelle

Blog Image

di Selene Sovilla

7/6/2021

Ubi sunt qui ante nos fuerunt?

Dove sono coloro che furono prima di noi?

Dove sono gli austeri re e le regine dai lunghi abiti; dove sono i valorosi cavalieri, il chiasso dei banchetti, il pizzico allegro dei liuti.

Come se n'è andato quel tempo,
scuro, coperto dalla notte, come se non fosse mai stato
”.

Eppure nell’aprire quella piccola porta di legno che allontanava dalle camere, lo scricchiolio delle travi mentre mi affacciavo sul balcone dell’antica corte, salutata da una musica d’altri secoli... in quel preciso istante, mi è parso di sapere dove fossero tutti coloro venuti prima di noi. E forse, semplicemente, non se n’erano mai andati.


Mi trovo nel Castello di Zumelle, nella provincia di Belluno, Veneto settentrionale; una fortezza strategica sulla cima di un colle che sovrasta il corso del torrente Terche. Ed è difficile non emozionarsi alla vista dell’antica torre di pietra, a strapiombo sul sentiero che conduce alle porte del piccolo villaggio sottostante. Questa notte dormirò qui.

La splendida cornice storica che mi circonda è oggi una delle migliori opportunità nostrane per immergersi nel passato e mette a disposizione del pubblico una vera e propria esperienza medievale in prima persona. Al Castello di Zumelle è possibile vestire abiti dell’epoca, pernottare tra le mura in antiche stanze affrescate e mangiare nella taverna medievale, uno dei pochissimi locali in Italia ad offrire ricette della tradizione interamente originali e senza possibilità di modifica da parte degli chef.