Colletta di Castelbianco: "un ponte tra passato e futuro"

Blog Image

di Emiliano Tumino

25/4/2021

Ascolta "Colletta di Castelbianco un ponte tra passato e futuro" su Spreaker.

La verità è una sola: "Le città ti colpiscono e i borghi ti fanno innamorare!"

Oggi ci tocca innamorarci, perché stiamo per parlare di un borgo che fa parte del circuito turistico: “I Borghi più belli d’Italia”.

Ci troviamo in Liguria, nella provincia di Savona, esattamente a Colletta di Castelbianco. Un borgo in pietra che con le sue finestre caratterizzate da una cornice bianca ed i suoi carruggi in ciottolato tipico medievale, si è guadagnato un posto tra i Borghi più belli d’Italia. Fu interamente restaurato dopo il terremoto del 1887. Il borgo fu ridisegnato dall’architetto Giancarlo De CarloColletta di Castelbianco diventò il primo borgo telematico d’Italia. Chi sceglieva di abitarvi poteva godere della pace del villaggio ed essere comunque in contatto con il mondo del lavoro grazie a sofisticate strutture tecnologiche e di telecomunicazione.

Sovrastano ancora l’abitato i ruderi del vecchio castello dei Clavesana che ha dato nome al borgo ed è possibile ammirare diversi ponti in pietra di epoca medievale con la caratteristica forma a schiena d’asino. Da qui partono percorsi di trekkingmountain bike. Per gli appassionati di free climbing, le palestre di roccia della zona, seconde solo al Finalese: motivo per cui sono conosciute col nome di Oltrefinale.

Il terribile terremoto del 1887, portò alla partenza di molti abitanti e nel giro di qualche anno, alla definitiva trasformazione in paese fantasma. Grazie al lavoro certosino svolto, la borgata è stata interamente recuperata, sfruttando i resti distrutti per dare nuova vita alle abitazioni e ai tanti altri locali un tempo attivi. Si è scelto però di andare ben oltre, rendendo quest’area tecnologicamente avanzata. Un esempio unico in tutt’Italia, con cablatura in fibra ottica che ne percorre l’intera superficie.

Si è riusciti così a dare una seconda vita ad un borgo che sembrava destinato a sparire dalle mappe. In molti hanno deciso di optare per Colletta di Castelbianco come propria abitazione o casa per le vacanze. Si tratta soprattutto di stranieri, affascinati dalla possibilità di poter conoscere l’entroterra ligure, senza per questo rinunciare alle proprie abitudini tecnologiche.

Una soluzione ritenuta geniale da molti ma non da tutti. Non sono infatti mancate le forti critiche per l’opera, premiata però come miglior restauro dall’Homes Overseas Awards 2006.

Una imponente struttura alberghiera all’avanguardia, consente di affittare, e in alcuni casi acquistare, appartamenti ricavati da antiche case. A ciò però si aggiungono alcuni servizi per la comunità, come ad esempio la splendida piscina con vista panoramica sulle colline.

Che tu decida di trascorrere un’intera vacanza o solamente un paio di giorni in queste zone, ti assicuro che ti innamorerai di questo borgo, dove troverai tutta la pace e la tranquillità che solo un borgo sa dare, ma restando comunque connesso col resto del mondo per poter magari pianificare il resto del viaggio. Una cena romantica in uno dei tanti ristoranti del paese gustando prodotti tipici, non ti farà, mai più scordare di Colletta di Castelbianco.