La strada che racconta il coraggio delle donne: le opere delle Lediesis sui muri delle città d'Italia

Blog Image

di Alessia Viviani

28/3/2021

Si sa quando si tratta di donne, o meglio superdonne Hermes Magazine, non si tira mai indietro nel parlarne e se queste superdonne, vengono raffigurate tra le mura delle nostre città, tanto meglio. Una grande “S” stampata sul petto come simbolo di forza e coraggio. “Superwomans” sono loro le eroine dei nostri tempi: Alda, Bebe, Liliana, Frida, Rita Levi Montalcini, Greta e tantissime altre.

Nel corso dell’ultimo anno, la città di Milano, ma non solo le sue mura, è stata teatro delle opere artistiche delle “Lediesis “, due misteriose street artist tutte in rosa, che hanno tappezzato i più importanti centri urbani italiani con raffigurazioni delle nostre Superdonne. Italiane e non. Murales che, con il loro forte impatto visivo e posizionati in luoghi della vita di tutti i giorni, non possono lasciare indifferenti gli occhi curiosi di passanti e turisti. Questo non è accaduto solo a Milano, ma anche in città d’arte come Venezia, Firenze, Roma.

Le opere delle “Lediesis” sono passate da tutte queste grandi città italiane per trasmettere il loro messaggio. Un messaggio particolare che si avvale anche del nome d’arte scelto dalle due ragazze. In musica, infatti il “Diesis” altro non è che l’alterazione di una nota e, alla stessa maniera, metaforicamente parlando, l’azione di queste misteriose street artists vuole portare un’evoluzione matura e consapevole dei luoghi comuni, sulla donna, attraverso una scossa al retaggio socio-culturale del passato ma anche del presente. La grande “S” che staziona sul cuore di queste raffigurazioni fa capire che in ogni donna c’è ed è chiaro il segno di forza e coraggio, proprio come quello di una supereroina.

Lo dicono le “Lediesis”, ma indirettamente, è un grido che ad oggi, e non solo, ogni donna emette, attraverso anche l’esempio di queste grandissime figure che hanno lottato da sole, per mostrarsi in tutta la loro grandezza d’animo.

A Milano

Il passaggio delle “Lediesis” nella metropoli milanese era avvenuto nel periodo nella settimana della moda “Milano Fashion Week 2020”, poco prima che l’Italia intera (e soprattutto la Lombardia) piombassero a capofitto nella pandemia da Covid-19. Sono tantissimi i murales ed  i segni della loro comparsa, molti raffigurati lungo le sponde dei Navigli.

Fonte foto: Informa città

Una “Super Barbie con la mascherina“, un'icona  che conosciamo tutte, un simbolo dell’infanzia, intenta, come chiunque altro, a fare la spesa mentre trasporta un sacchetto con la scritta “Vado a Wuhan” (un po’ ad ironizzare, esorcizzare e sdrammatizzare con un poco di allegria su quanto stava, e tutt’ora sta accadendo in tutto il mondo).

Le superdonne della street art di Lediesis per la Fashion Week di Milano

Fonte Foto: t.p.i. it

 

Una “Super Maga Magò“, pubblicata anche sul loro profilo Instagram e definita come “Un po’ di magia come cura per la paura!” in riferimento alla situazione di emergenza sanitaria, riportava la frase di Nene: "Vi ricordate quando nella mano si stringeva un altra mano? Forse un giorno tornerà di moda: come gli occhiali vintage, come gli anni '80".

Ed infine, molto probabilmente, l’immagine piu' rappresentativa affissa sui muri della rappresentativa Darsena: quella di Alda Merini, la storica e grandissima poetessa milanese raffigurata dalle due street artist seminuda, con solo una giacca appoggiata sulle spalle e la grande “S” stampata in mezzo al petto. Un sorriso ammiccante e provocatorio quasi a lanciarti una sfida. “Lediesis”, in occasione della festa delle Donne avevano commentato così la loro opera sui social: