Misha Lenn e la sua ispirazione pittorica

Blog Image

di Emma Akopyan

5/4/2021

Ascolta "Misha Lenn e la sua ispirazione pittorica" su Spreaker.

Fonte Foto: https://www.facebook.com/misha.lenn

 

“Creo, per così dire, diversi livelli di percezione. A una realtà si sovrappone una nuova realtà. Strato dopo strato”, proprio come si prepara una torta a più strati: “Lo spettatore può vedere immediatamente l'intera immagine o, “togliendo” strato per strato, penetrare più in profondità.”

mish1

 

Misha Lenn è nato a San Pietroburgo e, secondo il pittore, proprio la sua città natale lo ha ispirato da bambino a vedere la bellezza intorno: “Quando vivi nella bellezza, percorri strade bellissime (ad esempio, lungo la via dell'Architetto Rossi), ti rimane un'impronta. Gli occhi si abituano a vedere il bello. La postura si raddrizza. Tu stesso sei pieno di energia e desiderio di creare.”

Misha Lenn si è laureato alla Scuola Mukhinsky — ora è un'università artistica intitolata al barone Stieglitz. Qui ha imparato a vedere e pensare, guardare in profondità, immaginare cosa viene raffigurato da tutti i lati. Dopotutto, il compito delle belle arti è trasmettere lo spazio tridimensionale su una tela bidimensionale, attraverso il prisma della percezione dell'artista. Abbiamo avuto il piacere di intervistare l'artista, che ci ha raccontato la sua storia e la sua passione per l'arte.

Dove ha iniziato i suoi studi d’arte?

All'inizio ho studiato musica. Al proposito, essa è ancora un potente impulso nel mio lavoro. Ma quando dovetti scegliere dove andare dopo, chi essere e cosa fare, ho scelto il disegno. Da ragazzo, mi sembrava che fosse necessario meno lavoro nelle arti visive — quanto mi sbagliavo! Le belle arti non sono un mezzo per guadagnarsi da vivere, è, direi, il MODO di vivere.

Perché ha scelto la tecnica pittorica dell'acquerello? 

In breve .... Gli acquerelli sono pienamente coerenti con il mio carattere. Gioioso, leggero, luminoso e positivo. Ogni creatore sceglie la tecnica che meglio si adatta al suo carattere. L'acquerello è una tecnica fluida basata sull'acqua. Come un fiume, a volte calmo, a volte ribollente, che trabocca persino dagli argini. Solo seguendo i veri torrenti ed essendo nel flusso del fiume, puoi creare qualcosa di degno. Così è la musica. Cattura l'ascoltatore e conduce più in profondità. Il compito dell'artista è lo stesso. Cattura l'attenzione dello spettatore e lo porta in un viaggio emozionante. Un'opera d'arte non è un'immagine. Questo è un mondo diverso in cui il creatore invita lo spettatore. Recentemente, mi sono interessato molto alla grafica, al lavoro con l'inchiostro. È una sovrapposizione di linee "a ragnatela" e macchie bianche e nere su immagini semi-realistiche di persone che ballano. C'è, per così dire, una realtà in più. Una cosa stratosferica. A volte non so come i miei eroi si presentano alla fine. Possono cambiarsi con l'aiuto di linee aggiuntive o punti neri, ad esempio, uno si trasforma da un ballerino a "Mefistofele".

I suoi lavori sembrano vivi, volanti, sono particolari e davvero non esiste nulla di simile. Ci racconti un po’ della sua tecnica.

Ho chiamato la mia nuova direzione (o meglio, la direzione combinata di stili diversi) AUGMENTO, che ho persino brevettato. Pensavo di aver inventato la parola da solo, basandomi su una traduzione dall'inglese (realtà aumentata). In latino la stessa parola significa ”Crescita”. Ho creato il mio stile unico. Suona certamente ambizioso, ma non mi si può confondere (confondere il mio stile) con nessuno.

porch

Di lei conosciamo anche la particolarità di riprodurre i suoi quadri in progetti ambiziosi, quali per esempio in una serie personalizzata di oggetti come ombrelli, sciarpe o vetrate. Ce ne vuole parlare?

L'idea di usare i miei quadri su oggetti mi è venuta molto tempo fa. Ho già fatto molto in questa direzione. Ci sono già etichette di vino, vetrate colorate, sciarpe di seta, vestiti e persino scarpe. Pitture murali. Libri. Gioielleria. La porcellana e le immagini sugli ombrelli sono i miei ultimi hobby da diversi anni. Lavoro con un'azienda a San Pietroburgo, che fabbrica porcellana imperiale.  

Nei tempi di pandemia come si trova il suo lavoro? Ci sono mostre online? Ci sono mostre da visitare dopo la pandemia?

A causa della pandemia non ho avuto modo di partecipare alle mostre. Anche la mia nuova collezione di porcellane chiamata "Quattro stagioni d'amore" doveva essere realizzata a distanza, inviando un mucchio di schizzi e correggendo tutti i dettagli usando un computer.

Per me, poco è cambiato. Ho continuato a lavorare. Forse stavo pensando di più o rivedendo il sistema di valori. Non apposta, ovviamente. Ad ogni persona sulla Terra è stato dato questo tempo (ci siamo ancora dentro) per capire e realizzare se stesso. Fermati e ridefinisci la tua vita. Mi sembra che il "guscio" si stia assottigliando e il mondo diventerà più pulito. Passeremo tutti a un altro ciclo vitale, dove tutto sarà diverso. Non peggio e non meglio, solo diversamente. Come ... non lo so. Ora invito tutti a viaggiare nel mondo delle mie fantasie e realtà